Perché sei un essere speciale?

di Ben Messina

perché sei un essere speciale

Ho il privilegio di conoscere tante belle persone. Persone premurose e dai modi gentili, capaci di farti sentire a casa anche a km di distanza. Persone che danno tutto senza pretendere nulla, e che proprio non riescono a non essere buone con il prossimo. Esseri speciali.

 

Perché sei un essere speciale

Queste persone entrano nella tua vita silenziose, dal passo leggero e svelto, quasi fossero dei gatti. Ti guardano negli occhi e, se sei fortunato, hai giusto un attimo per ammirare il loro sguardo prima che lo abbassino.

Spesso timide, altre volte estroverse, ma sempre pronte ad ascoltare e, se possono, a tendere una mano.

Queste persone, però, sanno essere crudeli, spietate, implacabili. La loro vittima preferita è sempre una: loro stessi.

Non mancano di definirsi stupide perché leali e oneste sempre, anche quando in cambio ricevono solo delusioni.

Queste persone, a volte, si sentono così frustrate da considerare la loro bontà un ostacolo e vorrebbero farne a meno. Se solo potessero, prenderebbero tutto il buono che c’è in loro, lo appallottolerebbero e lo lancerebbero via, più lontano possibile, fino in cielo.

La corazza come finta soluzione

Queste persone s’incolpano per ciò che sono, credono di dover cambiare e spesso progettano di indossare una corazza. Una corazza il più possibile resistente e spaventosa; lucidata a specchio per riflettere i comportamenti di chi li ha feriti e ripagarli con la stessa moneta.

Queste persone credono che questa corazza li renderà più forti. Immuni alle delusioni, più efficienti nel lavoro e nelle piccole decisioni di tutti i giorni.

Queste persone credono di aver vinto, queste persone non sanno cosa potrebbero perdere, non sanno che si stanno condannando.

La corazza come gabbia

Come toccare l’acqua con un guanto, la corazza filtrerà ogni sentimento. La loro intera vita passerà per un velo che li nasconderà alla vista del mondo.

Finiranno per imitare la durezza dei modi e del cuore di chi li ha feriti e, alla fine, ne assumeranno le sembianze.

Acquisteranno un volto diverso, già visto in milioni di persone, atteggiamenti forzati, all’apparenza più decisi, una voce più autoritaria, lo sguardo, spento, non sfuggirà più come prima e finiranno per svuotarsi dentro.

La pericolosità della corazza

L’ostentata sicurezza è artificiale, poiché non derivante da una reale accettazione di loro stessi, e alla fine questo inganno chiamerà il conto. La corazza diverrà sempre più pesante e richiederà uno sforzo via via maggiore.

Queste persone si sentiranno smarrite e, inevitabilmente, feriranno sempre più loro stesse e chi li ha amati per ciò che erano.

Ti prego, non cambiare!

Se tu sei una di queste persone e stai pensando di cambiare, ti prego, non farlo.

Perché dovresti impiegare le tue energie per alzare un muro verso gli altri invece di costruire il tuo futuro? Perché sprecare l’unica vita che hai a disposizione vivendo quella del tuo carnefice? Perché distruggere il bello che c’è in te e vivere una menzogna?

La corazza non è una soluzione. Esistono tanti modi per acquisire sicurezza, ma diventare altro da te stesso non è uno di questi, anzi, è la strada sicura per l’infelicità.

Leggi anche: Scelte: 5 risorse contro la paura del futuro

Ciò che conta davvero è vivere bene nel tuo mondo interiore, che è lo spazio che abiti 24 ore su 24. Indossando una brutta maschera lo impoverirai e diverrà il primo posto in cui non vorrai stare. 

Perché abbiamo bisogno di te

Il tuo mondo interiore ha bisogno di te, ma anche il nostro!

C’è bisogno di gentilezza, di dolcezza, c’è bisogno di rispetto, dei “ci sono qui io non preoccuparti”, e c’è bisogno dei “grazie”.  C’è bisogno dei “mi fido di te”, dei “ti voglio bene” sinceri e sì, c’è anche bisogno di chi butta la carta nei cestini!

Non sei solo, il mondo vuole conoscerti

Ti garantisco che non sei solo. Alza gli occhi al cielo, le persone buone sono più delle stelle che potrai mai riuscire a contare. 

Tu sei un essere speciale! Non perdere la speranza, dove meno penseresti puoi incontrare persone come te e con loro provare a costruire un futuro, e un mondo, migliore. Indossare una maschera, oltre che a te stesso, vorrebbe dire rinunciare a loro, e a tutte le persone che già ti amano per ciò che sei.

Quindi, stringi i denti e continua a comportarti esattamente come vorresti che gli altri facciano con te. E, ti prego, smetti di pensare di essere stupido, o fesso, o perdente, o altro.

Sii te stesso e sii fiero di esserlo!

Anche se non è facile, continua a splendere e sii la stella più luminosa, così che chi ti ama possa riconoscerti quando alza gli occhi al cielo e sentirsi sempre a casa.

E tu hai mai pensato di costruirti una corazza o lo hai già fatto? Parliamone nei commenti oppure contattami se hai bisogno di supporto.

Ben Messina

Ben Messina

Dopo una laurea e un master in comunicazione, s'innamora del Counseling e diventa Counselor Professionista CNCP. Crede che ogni persona abbia dentro di sé la forza giusta per superare qualunque ostacolo e intende aiutare chi ne ha bisogno a ri-trovarla. Ama particolarmente la buona tavola, tanto da aver creato un’app di cucina.
Ben Messina

Hai domande o vuoi l’aiuto di un counselor?

Potrebbe interessarti anche

come farsi ubbidire dai figli adolescenti
relazione disfunzionale
chiudere una storia
tredici suicidio bullismo mamma hannah baker
figli adolescenti
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi